intervista a H. Davy

Salve signor Humphry Davy. Sono Matteo e sono qui per chiederele di rilasciarmi un’intervista da inserire nel sito della 3 est, dalla quale sono stato inviato.                                                                                                                                                         Salve  a lei sono molto onorato di poterle rilasciare questa intervista.                                                                                                            Cominciamo subito, ci parli di lei.                                                                                                                                                                                          Si, sono nato a Penzance una città del Regno Unito il 17 dicembre 1778. Nel 1801 fui nominato professore alla Royal Institution di Gran Bretagna e Compagno della Royal Society, della quale ebbi poi anche la presidenza. Nel 1812 fui nominato cavaliere, diedi una lezione d’addio alla Royal Institution, e sposai una ricca vedova, Jane Apreece. Nell’ottobre 1813 io e mia moglie, accompagnati da Michael Faraday come assistente scientifico (nonché valletto di corte) viaggiammo in Francia per ritirare una medaglia di cui Napoleone Bonaparte mi aveva insignito per la qualità del mio lavoro in campo elettrochimico. Nel 1818 fui nominato baronetto.     Lei è diventato famoso grazie a  i suoi esperimenti sui gas, ce ne parli.                                                                                                       I gas mi attraevano particolarmente. Condussi degli esperimenti sull’azione fisiologica di alcuni gas, tra cui il gas esilarante (ossido di diazoto) dal quale ero assuefatto in quanto le sue proprietà possiedono tutti i benefici dell’alcool ma noi i suoi difetti.                       So che ha lavorato anche con i sali giusto?                                                                                                                                                               Esatto, nel 1800 Alessandro Volta presentò la pila elettrica, precursore delle moderne batterie. Io ebbi l’intuizione di utilizzare la sua scoperta per separare i sali, tecnica che oggi si chiama elettrolisi. Utilizzando più batterie in serie riuscii a separare anche altri Sali come potassio, sodio, calcio, stronzio, bario e magnesio, studiando poi le energie coinvolte nelle separazioni. Dimostrai che l’ossigeno non si può ottenere dall’acido muriatico e provai l’esistenza di un altro elemento che chiamai cloro.                                   Quali altre scoperte hai fatto?                                                                                                                                                                                               Vere scoperte non ne ho fatte ma ho portato avanti diversi progetti: per prima cosa ho costruito la “lampada di Davy” che riduce il rischio della esplosioni nelle miniere dando maggior sicurezza ai minatori, poi proposi di installare dei blocchi di ferro alla copertura in rame di una nave in un primo tentativo di protezione catodica.                                                                                                                 È mai stato in Italia?                                                                                                                                                                                                                          Si, da giovane ho effettuato un tour dell’Italia, sono stato a Genova e poi a Firenze dove, assieme al mio assistente Faraday, abbiamo effettuato degli esperimenti provando che il diamante è composto di carbonio e può quindi prendere fuoco. Successivamente sono stato a Roma e poi Napoli sul Vesuvio. Infine sono stato a Milano dove ho incontrato Alessandro Volta prima di tornare in Inghilterra.                                                                                                                                                                                                                                            Come saprà nella sua città natale le è stata dedicata una statua, ne è felice?                                                                                    Come potrei non esserlo! Mi fu eretta, nel 1872, una statua totalmente marmo bianco prodotta da degli scultori londinesi in una delle vie più importanti della città. Su di essa hanno posto una targa riportante gli avvenimenti più importanti della mia vita.                                                                                                                                                                                                                                                                      La ringrazio per questa intervista. Arrivederci                                                                                                                                                                         Grazie a lei. È stato un grande piacere. .

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...